Progetto “Prevenzione al Bullismo”

Scodinzolando, preveniamo il bullismo!

Il progetto nella scuole di Pet Therapy – I.A.A. patrocinato da

Il progetto E.A.A. mirato alla prevenzione del bullismo.

I destinatari diretti saranno i bambini/ragazzi presso la propria scuola, nei locali utilizzati da alunni e insegnanti per le consuete attività.

Vuoi sostenere questo progetto di Pet Therapy?

Clicca qui


Cosa si intende per “Bullo” e “Bullismo”

Il bullismo è definito “il reiterarsi dei comportamenti e atteggiamenti diretti o indiretti volti a prevaricare un altro con l’intenzione di nuocere, con l’uso della forza fisica o della prevaricazione psicologica”. Farrington 1993

Interessa in particolar modo i bambini in età scolare. Il bullismo ha uno sviluppo solo dove c’è un gruppo, perché ha bisogno di diversi attori: bullo/bulli, vittima e chi assiste, guarda, ride, partecipa o prende le distanze.

Tutti questi bambini rivelano un disagio ed hanno bisogno di aiuto.

Gli atti di bullismo sono sempre più legati alla scarsa tolleranza e non accettazione verso chi rappresenta qualcosa di diverso (etnia, religione, caratteristiche psico-fisiche, genere, identità di genere, orientamento sessuale, realtà familiari…). Inoltre vi è un incompetenza relazionale alla cui base si intravvede quasi sempre una sostanziale incapacità di esprimere e riconoscere correttamente le proprie emozioni e di leggere quelle altrui.

Per aiutare il bullo non dobbiamo concentrarsi su di lui, ma sul gruppo classe, lavorando sia sulla consapevolezza e accettazione delle differenze sia sulle emozioni proprie e altrui.

La Pet Therapy per la prevenzione del bullismo

L’uomo e il cane convivono da diversi millenni, evolvendosi e influenzandosi reciprocamente. Quali peculiarità può portare un cane in una classe?
Cose semplici come: ascoltare, dare importanza, non parlare, non giudicare, non imporre, non avere aspettative… E poi cosa fondamentale: il cane attira l’attenzione dei ragazzi.

La presenza del cane viene supportata dal fondamentale apporto dell’operatore che, durante l’I.A.A., spiega cosa il cane sta facendo, perché lo sta facendo, cosa sta vivendo. In questo modo introduce i bambini/ragazzi alla sua (rispettosa) conoscenza, alla sua accoglienza e accettazione nel gruppo, affinché si viva una situazione gradevole e gratificante in compagnia.

Solo se questo avviene, i bambini possono sentirsi a proprio agio in una relazione reciprocamente gratificante e capace di innescare un processo di cambiamento nei comportamenti che trova lo stimolo nello stato d’animo rassicurante rilassato e sereno dei soggetti coinvolti, ossia i cani.

La presenza di un cane produce una serie di ripercussioni positive sia sui bimbi/ragazzi ma anche sugli insegnanti, creando un clima di maggiore serenità.

Quali sono gli obiettivi del nostro #Team4Zampe

L’obiettivo primario di questo progetto è la prevenzione del bullismo.

Due degli elementi evidenti in una situazione a rischio bullismo sono:

  1. la scarsa tolleranza e la non accettazione delle differenze/diversità
  2. la difficoltà di riconoscere, esprimere ed accettare le proprie emozioni e quelle altrui.

In questi incontri si vuole lavorare proprio in questa direzione, favorendo la riflessione e la sensibilizzazione verso un’integrazione delle diversità individuali passando attraverso le diversità del mondo animale, in particolare del cane.

Questo ci conduce al nostro secondo obiettivo che è lo sviluppare atteggiamenti di empatia e comportamenti epimeletici con conseguente maggiore agevolazione nello sperimentare il proprio mondo emotivo nel rapporto con il cane.

È dimostrato che atteggiamenti di relazione, cura e rispetto verso gli animali  possono trasferirsi in maniera speculare agli essere umani, soprattutto in età evolutiva.

Il rapporto con il pet e l’empatia verso di esso promuovono e rinforzano atteggiamenti empatici nei confronti dell’altro. Ciò spiega come una E.A.A. possa favorire i processi di integrazione all’interno dell’ambiente scolastico.

Il progetto “Scodinzolando, preveniamo il bullismo” è patrocinato dalla Regione Piemonte.

Infine puoi chiedere informazioni senza impegno inviando una mail all’indirizzo info@sorrisia4zampe.org


Progetto Pilota

Location: San Secondo di Pinerolo – Scuola Elementare

Fruitori: bambini/e 6-8 anni

Timing: marzo 2018 – in corso

Responsabile del Progetto: Alberto BADELLINO

Il team a 4 Zampe: Carolina, Biscotto, Camilla, Sally.


Vuoi sostenere questo progetto di Pet Therapy?

Clicca qui

Infine scopri di più su: